Storia

“Date retta a me, vecchio incredulo che se ne intende: il capolavoro della propaganda anti-cristiana è l’essere riusciti a creare nei cristiani, nei cattolici soprattutto, una cattiva coscienza; a instillargli l’imbarazzo, quando non la vergogna, per la loro storia. A furia di insistere, dalla riforma sino ad oggi, ce l’hanno fatta a convincervi di essere i responsabili di tutti o quasi i mali del mondo. 
Vi hanno paralizzato nell’autocritica masochista, per neutralizzare la critica di ciò che ha preso il vostro posto. 
Femministe, omosessuali, terzomondiali e terzomondisti, pacifisti, esponenti di tutte le minoranze, contestatori e scontenti di ogni risma, scienziati, umanisti, filosofi, ecologisti, animalisti, moralisti laici: da tutti vi siete lasciati presentare il conto, spesso truccato, senza quasi discutere. 
Non c’è problema o errore o sofferenza nella storia che non vi siano stati addebitati. E voi, così spesso ignoranti del vostro passato, avete finito per crederci, magari per dar loro manforte. Invece io (agnostico, ma storico che cerca di essere oggettivo) vi dico che dovete reagire, in nome della verità. 
Spesso, infatti, non è vero. 
E se qualcosa di vero c’è, è anche vero che, in un bilancio di venti secoli di cristianesimo, le luci prevalgono di gran lunga sulle ombre. 
Ma poi: perché non chiedere a vostra volta il conto a chi lo presenta a voi? Sono forse stati migliori i risultati di ciò che è venuto dopo? Da quali pulpiti ascoltate, contriti, certe prediche? […] Quella vergognosa menzogna dei “secoli bui”, perché ispirati dalla fede del Vangelo! Perché, allora, tutto ciò che ci resta di quei tempi è di così fascinosa bellezza e sapienza? Anche nella storia vale la legge di causa ed effetto…
Léo Moulin (1906 – 1996), sociologo e scrittore belga.


  • “La storia, luce di verità e testimonio dei tempi, se rettamente consultata e diligentemente esaminata, insegna che la promessa fatta da Gesù Cristo: « Io sono con voi … fino alla consumazione dei secoli » , non è mai venuta meno alla sua Chiesa e non verrà quindi mai a mancare in avvenire.
    Anzi quanto più furiosi sono i flutti dai quali è sbattuta la nave di Pietro, tanto più pronto e vigoroso essa sperimenta l’aiuto della grazia divina.
    E ciò in modo singolarissimo avvenne nei primi tempi della Chiesa, non solo quando il nome cristiano era ritenuto delitto esecrabile da punirsi con la morte, ma anche quando la vera fede di Cristo, sconvolta dalla perfidia degli eretici che imperversavano soprattutto in Oriente, fu messa in gravissima prova. Infatti, come i persecutori dei cristiani, l’uno dopo l’altro, miseramente scomparvero, e lo stesso Impero romano cadde in rovina, così tutti gli eretici, quasi tralci inariditi perché recisi dalla vite divina, più non poterono succhiare la linfa vitale né fruttificare.”
  • Papa Pio XI,Lux Veritatis

 

 


  • _06 Curiosita storiche 1

2020

 

Tra ideologie e leggi inique, cosa ci attende come Cristiani? Cosa fare?

La statua bronzea di san Pietro in Vaticano

Primato Petrino e Romano? Nota ufficiale del 1998 della CdF

Sulla questione del papato: Rinuncia Benedetto XVI. “Decuit, potuit, fecit.” Dio poteva farlo, quindi lo fece?

Benedetto XVI scrive su Giovanni Paolo II per il Centenario della sua nascita

16 maggio 1920-2020 Canonizzazione di Santa Giovanna d’Arco – Benedetto XV spiega tutti i fatti

Benedetto XVI: ultimo Papa d’Occidente?

Gesù condannò il Comunismo nel 1846: affermando la Devozione al Santo Volto

Il prof. Radaelli ricorda mons. Antonio Livi

La teologia “meticcia” di papa Francesco

Siri e Ratzinger avevano già ammonito contro una chiesa rahneriana e una religione mondiale

ELENCO VIDEO pubblicati da cooperatoresVeritatis (Anni 2018-19)

Elenco video CooperatoresVeritatis gennaio-marzo 2020

Come trascorreva la Pasquetta il Papa?

Il rito del Resurrexit nella domenica di Pasqua

Caro Papa e Vescovi: perché vi siete arresi? (con aggiornamento positivo)

Libertatis conscientia: Il cristiano è chiamato ad agire secondo la verità

Giovanni Paolo II – Centesimus Annus: il rimedio socialista è il peggiore dei mali

La morte di Enrico VIII raccontata da S. Alfonso M. de Liguori